Wengen, libera a Feuz. L’Italia fatica

Tra i maschi si salva solo Dominik Paris, ottavo a 1”22 dal vincitore
AFP

Beat Feuz


Pubblicato il 13/01/2018
Ultima modifica il 13/01/2018 alle ore 14:20

Non abita a Wengen, in Svizzera, la velocità maschile azzurra. Sulla mitica pista del circo bianco, la Lauberhorn, gli italiani centrano una giornata no e lasciano la scena a Federica Brignone che trionfa in superG in Austria. Tra i maschi si salva solo Dominik Paris, ottavo a 1”22 dal vincitore Beat Feuz, il campione del mondo di st.Moritz che, con il pettorale numero 1, impone la legge del padrone di casa e rifila una discesa perfetta. Il campionissimo norvegese Aksel Svindal non ha scelta e deve accontentarsi del secondo posto a 0”18. Terzo (a 0”67) l’oro olimpico dei Giochi di Sochi Matthias Mayer, cliente scomodo che cercherà riscatto tra una settimana nella libera di Kiztbuehel.  

 

Una prova di classe sulla Streif è anche l’obiettivo di Paris, un po’ amareggiato oggi: “Peccato, non ho potuto fare quello che volevo. Qui non riesco proprio a salire sul podio”.  

 

Peter Fill parte male, incrocia le code degli sci al cancelletto, e perde centesimi di secondo preziosi, finendo settimo: “Non sono riuscito a spingere, avevo le gambe dure dopo la prova della combinata di ieri (ha vinto la coppetta di specialità)”. 

Paura invece per Christof Innerhofer, tradito dalla sua pista preferita: cade si rialza e scende in piedi ma oggi sarà sottoposto ad accertamenti. Domani, slalom maschile (10,15 3 13,15 diretta tv Rai Sport/Eurosport). 

home

home

La Stampa Shop
Le più belle CASCATE delle Alpi Occidentali
Fantastiche escursioni in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta; spettacolari colate d’acqua alte decine di metri e piccoli tesori nascosti. Itinerari adatti a tutti.
Ai rifugi con i bambini
70 splendidi luoghi dove poter assaporare la bellezza della montagna con i nostri ragazzi